SantaSabina...News

Torniamo in quel di Ponte Felcino per disputare l’ultima partita di questo torneo: Finale 3° e 4° posto contro il San Sisto.

C’è ancora un pizzico di amaro in bocca per l’esito della semifinale, dove veramente per un pelo abbiamo mancato l’approdo alla finalissima…

Pazienza, oggi è pur sempre una finale, e come tale va rispettata.

L’ingresso dei ragazzi in campo è di quelli delle grandi occasioni, con tanto di annuncio all’altoparlante di nome e cognome di ogni singolo giocatore che corre a centrocampo accanto all’arbitro. Sicuramente emozionante per i ragazzi.

Si comincia. Tutte e due le squadre partono aggressive, il campo è bello grande e permette, oltre ad ottimi tentativi di gioco ragionato, anche lunghe sgroppate sulle fasce.

Il primo tempo se lo aggiudicano i biancocelesti del San Sisto, grazie ad un gol dopo un batti e ribatti davanti al nostro portiere.

Il secondo tempo spingiamo ancora di più sull’acceleratore e ristabiliamo la parità grazie a Francesco Benda che si invola davanti al portiere ed è freddissimo a batterlo con un rasoterra nell’angolino.

Si va al terzo tempo, che diventa decisivo.

La terza frazione è emozionante quanto tiratissima, nessuno molla un centimetro, i capovolgimenti di fronte si susseguono, ma alla fine il risultato non cambia, ne esce uno 0-0.

Che si fa adesso? Il regolamento di questo torneo dice calci di rigore.

E i calci di rigore sono, come si usa spesso dire, una lotteria, e a questa lotteria oltre alla bravura conta anche quel pizzico di fortuna che, sfortunatamente, non ci assiste.

Peccato davvero perché i nostri ragazzi se lo sarebbero veramente meritato.

L’atteggiamento è stato di quelli giusti, dal modo composto di stare dentro lo spogliatoio, al riscaldamento pre gara, all’impegno profuso in campo e al rispetto di chi stava fuori in attesa del proprio turno. E di questo il mister Paolo non può che essere soddisfatto, come dimostrano i complimenti ai ragazzi al rientro negli spogliatoi.

Io invece ci terrei a elogiarli allo stesso modo in cui sono entrati in campo, chiamandoli singolarmente.

“Edo” Bellofatto, sempre sicuro e impeccabile tra i pali, a cui oggi è stata data anche la possibilità di far valere le sue doti tecniche sulla fascia.

Francesco Vantaggi, altro nostro portiere, cresciuto tra i pali in maniera mostruosa e che con una sua super parata all’ultimo minuto ha permesso ai suoi compagni di giocarsi i rigori.

Giulia Menicucci, la nostra Leonessa.

“Ludo” Zonno, muro veramente invalicabile oggi in difesa.

Ardi Zebeli, motorino inesauribile che non si tira indietro davanti a niente.

“Nico” Chiurulla, disciplinato e sempre generoso dentro al campo.

Francesco Benda, autore del nostro gol da vero bomber navigato.

Andrea “Ponte” Pontemezzo, autore veramente di una prova maiuscola oggi sia tecnicamente che a livello di grinta.

Bravissimi ragazzi, la medaglia conquistata oggi ve la siete proprio guadagnata, e ricordatevi che abbiamo anche un conto aperto con la buona sorte!